Crescere

child riding bicycle

Crescere è bello. Ma lo è sempre?

Superare ostacoli, paure e difficoltà per un bambino può essere complesso ed è certo che ci sono prove molto forti, immaginiamo un lutto per esempio, durante le quali il bambino ha bisogno di sentirsi aiutato.
Cito anche questa volta la Dolto perché dice una cosa molto bella a proposito di bambini in difficoltà: “Sono convinta che un soggetto possa fare di ogni cosa un’esperienza positiva. Il ruolo di coloro che gli stanno vicino è aiutare il bambino a costruirsi attraverso la prova, a vaccinarsi”.

L’ottimismo della Dolto è rinfrancante di questi tempi ci ricorda il ruolo fondamentale del linguaggio: bisogna parlare a lungo con i nostri figli durante i momenti di difficoltà, accettando da loro anche i pensieri negativi, che devono potersi esprimere, devono trovare spazio perché nell’essere umano vivono contraddizioni, e ogni desiderio ha bisogno di poter essere detto.
C’è la realtà, il mondo di cui parlavamo prima, c’è l’immaginario, e c’è anche quella vita simbolica che altro non è che e qui cito di nuovo la Dolto che l’incontro con un altro con cui ci si capisce e col quale non siamo più soli davanti alle nostre contraddizioni interne.

I bambini hanno un potere enorme quando non si sentono colpevoli di avere reazioni negative di fronte alle difficoltà. E il nostro posto è quello di mostrargli, attraverso le parole, il dialogo, lo scambio che hanno il potere di cavarsela… possiamo dire “Sì, tu hai ragione, non è divertente quello che stai passando ma che fare? Che soluzioni vedi?”
Ognuno ha il suo stile, ognuno ha le proprie insicurezze ma in ogni modo la vicinanza di noi genitori dev’essere strutturante, ossia deve farsi costruttiva e non regressiva.
E’ così che crescere diventerà davvero bello.

Condividi sui social

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.