#buonedomande

Quand’è stata l’ultima volta che ti sei obbligato alla lentezza?

Il suono della notifica sullo smartphone, il semaforo che lampeggia, lo scroll sui feed social: l’istinto è quello del maratoneta, correre. Il fiato corto e i ritagli di tempo incollati dappertutto.
Ma mentre corriamo cosa ci stiamo perdendo?
Se iniziassimo a passeggiare senza meta, facendo proprio dell’arrivare da qualche parte, una questione secondaria, forse inizieremo a notare i particolari, un passante dall’aspetto bizzarro, quel dipinto murale dei writers di città, un albero con foglie diverse. Lentezza non significa “perder tempo” ma piuttosto ritrovarsi perdendosi.

Condividi sui social

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.