#buonedomande

Ti sei mai messo davvero in ascolto?

In casa tua se stai in silenzio sentirai tanti suoni. Alcuni arrivano dall’interno e altri dall’esterno. Le finestre che li placheranno un po’  ti faranno comunque ascoltare macchine, chiacchiere, lavori, e persino il vento se sei fortunato. Quella là fuori è la vita che scorre. E’ più precisamente, il rumore della vita che scorre.
In Giappone,  nel 1996 è stato annunciato dal Ministero dell’Ambiente un bando nazionale per la raccolta di paesaggi sonori. Accadde dopo il terribile terremoto di Kōbe e l’attacco terroristico a Tokyo con gas sarin. Tragedie che sconvolsero tutti.
Al termine del bando furono 100 i paesaggi sonori selezionati e tra questi potresti trovare il rumore che fa un mare di ghiaccio che si spezza in migliaia di frammenti o la voce che hanno i gabbiani dalla coda nera.
Perché quando qualcosa cambia radicalmente, sono le radici quelle alle quali ci stringiamo. E delle volte sono anche i suoni quelli che immortalano momenti preziosi e ci permettono di andare avanti non dimenticando ciò che è stato.
Parallelamente, quando ci accade qualcosa che si sconvolge ascoltarci è fondamentale. Per ricucire un cuore, pezzo dopo pezzo, per esempio, più che parlarne occorre ascoltare ciò che gli abita intorno.

Condividi sui social

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.